Il Bitcoin ha mostrato i primi segni di disaccoppiamento da Wall Street dopo essere salito a 11.820 dollari, mentre gli indici azionari statunitensi sono crollati ieri.

Il Bitcoin si è finalmente mosso nelle ultime 24 ore e ha raggiunto un nuovo massimo di oltre 11.800 dollari per 7 settimane. È interessante notare che l’aumento del prezzo di BTC è stato in contrasto con i mercati azionari statunitensi, dato che i tre indici più importanti hanno chiuso la sessione di trading di ieri con gravi perdite.

Bitcoin punta a 11.820 dollari

CryptoPotato ha riferito ieri che la Immediate Edge è rimasta relativamente calma negli ultimi giorni, nonostante le recenti notizie negative. Il popolare scambio di beni digitali OKEx ha sospeso i ritiri dopo la notizia che il suo fondatore è stato portato via dalla polizia, e il gap ECM lasciato aperto a 11.100 dollari ha suggerito un possibile calo dei prezzi a breve termine.

Tuttavia, la principale moneta criptata tende a dimostrare che la gente si sbaglia, e questo è esattamente ciò che è emerso ieri. BTC ha scambiato circa 11.400 dollari, ma ha dato il via a un impressionante aumento che ha portato a un aumento del 3,7% a 11.820 dollari (su Binance). Questo è stato il livello di prezzo più alto che Bitcoin abbia mai visto dall’inizio di settembre.

Da allora l’asset è tornato leggermente indietro e attualmente si aggira intorno a 11.750 dollari. Tuttavia, si tratta comunque di un aumento del 2,8% su una scala di 24 ore. Gli aspetti tecnici indicano che l’area da 12.000 a 12.100 dollari è la prossima grande resistenza di BTC.

Con il salto di prezzo di cui sopra, Bitcoin ha mostrato i primi segni di disaccoppiamento da Wall Street. Dopo settimane di assomiglianza con gli indici azionari statunitensi, BTC è cresciuta di valore, mentre l’S&P 500, il Dow Jones Industrial Average e il Nasdaq Composite sono scesi tutti di oltre l’1,5% in un solo giorno.

Bitcoin estende la sua posizione dominante sul mercato

Anche se alcune monete alternative hanno imitato i guadagni di Bitcoin, la maggior parte sono rimaste relativamente immobili. Di conseguenza, il sistema metrico che confronta il limite di mercato di BTC con tutti gli altercoin, ovvero la posizione dominante dei Bitcoin, è aumentato di quasi l’1% fino al 59,7% in 24 ore. Su scala settimanale, si è espanso di quasi il 2%.

Il picco dei prezzi dell’1,4% dell’Ethereum ha portato l’ETH vicino ai 380 dollari. L’ondulazione (3,1%) è il gainer più impressionante nella top 10, e gli scambi XRP si avvicinano a 0,25 dollari. Anche Bitcoin Cash (0,8%), Chainlink (0,5%), Cardano (1%) e Litecoin (2%) sono in verde tra i primi dieci. Al contrario, Binance Coin (-0,2%) e Polkadot (-1%) sono leggermente diminuiti.

Dash ha avuto il maggior incremento su una scala di 24 ore (11,6%) a $74. Nano segue con una pompa del 10% a $0,9. D’altra parte, Aave (-12%) e ABBC Coin (-10,5%) hanno perso il maggior valore. AAVE commercia sotto i 35 dollari, mentre ABBC si aggira intorno ai 0,57 dollari.